Mauro Carrero – Jose e Davide elegante booklet con cd ispirato allo scrittore Beppe Fenoglio

Tre arti che si miscelano: cinema, musica e scrittura! Jose e Davide nasce anni fa come spettacolo ed ora è un racconto in nove canzoni liberamente ispirato alla sceneggiatura cinematografica di Beppe Fenoglio.

Dobbiamo separare la fama dello scrittore da questo booklet, sennò uno influenza l’altro e non è giusto nei confronti dell’artista che l’ha concepito. Partiamo allora proprio da Mauro Carrero, del quale è evidente e palpabile la passione che ha messo in questo progetto e mi immagino anche il gran sudore per realizzarlo, magari consumando le canoniche sette camice.
Continua a leggere

Ensemble Bîrûn – I compositori greci del maqâm ottomano (Nota, 2017)

Da cinque anni l’Istituto Interculturale di Studi Comparati (IISMC) della Fondazione Cini di Venezia organizza un seminario di alta formazione sulla musica ottomana, cui accedono borsisti internazionali, sotto la direzione musicale di Kudsi Erguner e il coordinamento di studio e ricerca di Giovanni De Zorzi. Tra i prodotti del lavoro seminariale in residence c’è il concerto finale di presentazione che, in seguito, diventa un CD-book pubblicato dalla label friulana Nota Records nella collana “Intersezioni musicali”, diretta da Giovanni Giuriati. “Blogfoolk” si è occupato dei lavori precedenti del Bîrûn, a partire dal primo album introduttivo, che ci ha fatti entrare nel mondo dei compositori della corte ottomana (nel 2013 è stato disco del mese di “Blogfoolk”. Si legga l’intervista a De Zorzi qui).

Continua a leggere

Federico Sirianni – Il Santo…benedetta sia la erre moscia ..

Schiuma rabbia cantautorale, anche se produce un disco ogni 4/5 anni, perché …scrive per sopravvivere… è tutto intorno che c’è odore di letame: un buon lavoro, ben confezionato, tra fiori nell’immondizia ed un cielo grigio acciaio.

Il suo nome gira nello showbiz da qualche tempo e questo disco (in cui campeggia il grande Buster Keaton) vede la sua vena poetica diventare qualcosa di maturo, comunicativo ed assai ammaliante..

Nei primi brani anche la chitarra di Eugenio Odasso merita esser citata. Ma tutto Il Santo trabocca (oltre che di vino e cianuro..) di ospiti, cameo, partecipazioni: come quella di Arturo Brachetti e Paolo Bonfanti: sono tutte buone canzoni, costruite in modo intimo a tratti (vedi ad esempio la struggente A chi serve, ma anche Il campo dei miracoli) fin troppo introspettive, sempre basate sulle rime baciate .. tanto care a quasi mille anni di produzione poetica! Difficile dire cosa serve a Sirianni per fare il salto di qualità ed arrivare alla meritata notorietà o ad un posto al sole più dignitoso: ha tutto dalla sua parte, compresa una presenza fisica che non può passare inosservata. E poi c’è quella erre moscia che è quasi un marchio di fabbrica … Continua a leggere

Maestri greci a Istanbul

Giovanni De Zorzi racconta il lavoro dell’Ensemble Bîrûn sul repertorio ottomano

di Alessio Surian – Il Giornale della musica

Quello dedicato ai compositori greci è un cd che fa parte di un progetto pluriennale che vede impegnate Nota e la Fondazione Cini di Venezia. Dal 2012, con la sapiente regia di Giovanni De Zorzi, la Fondazione ospita “seminari” condotti dal maestro Kudsi Erguner e dedicati ai repertori della musica ottomana. Tre i lavori precedenti dell’Ensemble Bîrûn: un primo cd introduttivo dedicato a chi componeva alla corte ottomana (2012) e due successivi lavori che hanno approfondito i repertori di compositori armeni (2013) ed ebrei sefarditi (2015). Il nuovo lavoroI compositori greci del maqâm ottomano, appena pubblicato da Nota nella serie diretta da Giovanni Giuriati “Intersezioni musicali”, vede undici musicisti da diversi paesi a fianco di Kudsi Erguner.

Continua a leggere

We are not going back

di Il cantastorie on line

Nel 1964 al Festival dei due Mondi di Spoleto fu rappresentato lo spettacolo “Bella Ciao” a cura di Gianni Bosio e Roberto Leydi per la regia di Filippo Crivelli.

Per la prima volta furono messi in scena canti e musiche di un “altra Italia”, espressione delle classi subalterne che avevano affidato, soprattutto al canto, la loro memoria e la loro presenza nella storia. Fu, per quanto riguarda il canto popolare in Italia, un momento storico, una pietra miliare alla quale fecero riferimento decine di giovani ricercatori che iniziarono a loro volta a raccogliere materiale sonoro in ogni angolo del Paese.

Continua a leggere

Ed un pensiero ribelle in cor ci sta!

di Il cantastorie on line

Questa raffigurazione sonora o grande opera a più voci e tanti strumenti, magistralmente diretta da Giovanna Marini, risponde alle multiformi istanze di libertà, volontà di conoscenza storica, di acquisizione di diritti collettivi e molto altro che solo il canto sociale può rappresentare.

Il doppio CD raccoglie brani che dagli anni ’60 del secolo scorso hanno incrementato uno degli Archivi più corposi e completi dei canti del movimento Operaio e Contadino: l’Istituto Ernesto de Martino. Giovanna Marini poliedrica e appassionata musicista è stata una presenza costante sulla scena musicale italiana, nella discografia e nella didattica, con momenti di popolarità legati soprattutto al canto popolare e ad alcune stagioni della canzone di protesta.

Continua a leggere

Orio Odori – Rapsodia Toscana

di Nicola Cossar – Folk Bulletin
La musica popolare rinasce nella musica colta. Sembra una contraddizione in termini, perché si parla di mondi lontanissimi. Eppure, quando ci accostiamo ad essa con rispetto, curiosità, intelligenza e freschezza creativa la musica popolare trova nuova vita: la melodia, vestendo nuovi abiti, si rigenera, le radici non si perdono, l’identità non sbiadisce. Operazione pericolosa? Difficile? Certo che sì, ma è una bella sfida, di quelle che non puoi non raccogliere. Così ha fatto, con successo, Orio Odori, musicista (eccellente al clarinetto) e compositore dai mille interessi, dalla cameristica a Zappa, dai colori balcanici alla…. Toscana.

Continua a leggere

Rachele Colombo, Cantar Venezia

Due lavori della cantante intorno al soundscape veneziano

di Guido Festinese – Giornale della musica

Rachele Colombo
Cantar Venezia. Canzoni da battello
Nota Records

Ci sono voci che hanno il dono di sorprendere, la prima volta che le ascolti, e poi rinnovano il piccolo miracolo dell’emozione, ogni volta che capita di ritrovarle. Possono colpire per una tessitura grave, tellurica; possono impressionare, al contrario, per caratteristiche di argentina freschezza, come una cascatella d’acqua sorgiva. A questa seconda categoria appartiene la voce luminosa di Rachele Colombo (nata in paese del vicentino che ora è solo luogo della memoria), peraltro anche ottima specialista di corde e percussioni, protagonista di due recenti uscite discografiche in qualche modo complementari, l’una rivolta all’oggi, alla contemporaneità, l’altra a un passato prossimo che ha strutturato i nostri giorni.

Continua a leggere

RACHELE COLOMBO – Cantar Venezia

di Guido Festinese – Discoclub

Un tesoro nascosto, un giacimento culturale che periodicamente affiora, fa parlare di sé, poi si rassegna a qualche altro decennio o centinaio d’anni di oblio. E’ il repertorio delle “canzoni da battello” che si cantavano e suonavano a Venezia nel terzo decennio del Settecento. Furono poi soppiantate da altri generi alla moda, ad esempio le simili “barcarole”, ma oltre cinquecento brani sono rimasti in trascrizione sul pentagramma, e per fortuna ogni tanto qualcuno ci mette mano, voce e strumenti, a ricostruire un magnifico, giubilante canzoniere pop ante litteram che è come una ventata d’aria fresca. Continua a leggere

Crossroads in Italia: Alessandro Portelli racconta a Folk Bulletin

di Nicola Cossar – Folk Bulletin

Crossroads non è soltanto un classico del blues, ma oggi è anche una interessante collana editoriale che si propone di testimoniare l’incontro tra le culture del mondo. Due i volumi discografici (cd più un ricco libretto) già pubblicati dalla Nota di Valter Colle, importante realtà friulana da tanti anni impegnata in una straordinaria opera di raccolta documentale, soprattutto a livello italiano. Ne abbiamo parlato con il direttore della collana, Alessandro Portelli, notissimo docente universitario, scrittore e critico musicale.

Continua a leggere